Fischi, trilli, ronzii, rumori a volte talmente forti che sembra di impazzire… L’acufene è un problema che si presenta nei modi più diversi, ma una cosa è certa: anche se la tipologia di suono percepito è diversa, il problema è comune a milioni di persone in tutto il mondo.

Quando senti un fischio nelle orecchie accompagnato da un senso di ovattamento che dopo qualche secondo va via non preoccuparti, è una sensazione comune per tante persone e quasi sempre non è associata a nulla di patologico, diversamente dall’ Acufene cronico che può essere un sintomo di una causa patologica.

OK, MA COS’È ESATTAMENTE L’ACUFENE?

L’acufene, detto anche tinnito, non è una malattia o una patologia, ma un disturbo uditivo caratterizzato dalla percezione di suoni non legati a stimoli esterni.

Chi soffre di acufene percepisce in un orecchio (o in entrambi) suoni simili a tintinni, fischi, soffi, sibili e talvolta suoni pulsanti, questi ultimi di solito in sincrono con il battito cardiaco.

La percezione di questi rumori “fantasma” può essere costante o intermittente, debole o molto forte e non è percepibile all’esterno. Soltanto chi soffre di acufene sente questi rumori fastidiosi, a volte in modo tanto reale da provocare mal di testa, stati ansiosi e problemi psicologici dovuti allo stress, disturbi del sonno e della concentrazione.

 

COSA FARE SE SI PENSA DI SOFFRIRE DI ACUFENE

Se pensi di soffrire di acufene, la prima cosa da fare è sottoporsi ad una visita con un medico otorinolaringoiatra e successivamente con un audioprotesista qualificato,

Spesso gli effetti del tintinnio possono essere notevolmente ridotti abbinando al counselling (percorso al fine di rendere analogo l’acufene rispetto ai suoni in cui siamo immersi quotidianamente) una terapia di stimolazione sonora.

Perché il suono aiuta?

Il suono amplificato dagli apparecchi acustici, l’influsso di quello presente nell’ambiente, la musica oppure i toni prodotti dagli appositi generatori di rumori possono aiutare a minimizzare il contrasto tra i trilli ed i ronzii dell’acufene e l’ambiente sonoro circostante

QUALI SONO LE CAUSE PIÙ COMUNI DELL’ACUFENE?

Le cause più comuni dell’acufene sono:

  • danni indotti dal rumore
  • ipoacusia relativa al progredire dell’età
  • disturbi dell’orecchio, come la sindrome di Ménière
  • alcuni medicinali
  • stress

QUALI SONO LE CONSEGUENZE PIÙ COMUNI DELL’ACUFENE?

Le conseguenze più frequenti sono:

  • insonnia
  • irritabilità
  • difficoltà nel rilassarsi
  • difficoltà di concentrazione
  • depressione, frustrazione e nei casi più severi disperazione e angoscia.

CONSIGLI PER GESTIRE I PROBLEMI DI INSONNIA

Uno dei problemi più comuni per chi soffre di acufene è la difficolta ad addormentarsi o a dormire serenamente, senza doversi svegliare più volte nel corso della notte.

Affrontare questi ostacoli è molto importante, perché la mancanza di sonno ha un impatto negativo sulla capacità di gestire l’acufene.

Gestire i problemi d’insonnia

Prima di affrontare i disturbi del sonno occorre considerare che una persona adulta, in media, ha bisogno di dormire otto ore per notte.

Le nostre esigenze, inoltre, possono cambiare nel tempo.

Ecco un elenco di consigli utili per favorire il riposo ed aiutare a superare eventuali problemi di insonnia:

  • Stabilire un’orario fisso per andare a letto per svegliarsi al mattino.
  • Fare una passeggiata o dell’attività fisica per almeno dieci minuti al giorno, ma non prima di andare a dormire
  • Chiudere le tende e le tapparelle, in modo da tenere la stanza da letto piuttosto buia e ad una temperatura confortevole.
  • Evitare di mangiare, guardare la tv o leggere a letto.
  • Cercare di dormire preferibilmente sdraiati di lato o sullo schienale, ma non sulla pancia.
  • Stabilire un piccolo rituale piacevole prima di andare a letto. In questo modo, ci si inizia a rilassare fin da subito.
    Provare, ad esempio, con un bel bagno caldo.

NON PREOCCUPARTI, NON SEI DA SOLO!

L’acufene è un problema sempre più diffuso: si calcola che nel mondo siano oltre 250 milioni.

Attualmente esistono numerose terapie; partendo dal principio che il trattamento non è di per sé una cura, va detto che l’abitudine è un elemento centrale per la maggior parte delle terapie.

Per ulteriori informazioni, rivolgiti ad uno dei nostri Centri.

CENTRI ACUSTICI – SENTIRE SUONI ED EMOZIONI